Articoli marcati con tag ‘memoria’

Intervista allo scultore-pittore Stefano Cavallo (di Vincenzo Palmisano) – 1^ parte

Intervista allo scultore-pittore Stefano Cavallo – ( Classe III sez. A della Scuola Media Giovanni XXIII di San Michele  Salentino – Anno scolastico 1983-’84 )

Molte delle antiche case di San Michele hanno le facciate adorne di decorazioni in ”pietra gentile”, opera di scalpellini locali, veri e propri virtuosi della pietra ( artigiani –artisti la cui memoria non deve essere dispersa). Queste sculture, oltre a essere una preziosa testimonianza del passato, rappresentano in campo architettonico, l’unica cosa di un certo valore che il paese possa vantare. Per questo vanno rispettate, conservate e protette. Su questo argomento abbiamo voluto sentire lo scultore-pittore prof. Stefano Cavallo, sanmichelano residente a Milano, che da giovane ha fatto anche lo scalpellino insieme al padre.

Ecco l’intervista ( durata due ore ) realizzata in classe il 27, 04,’84 alla presenza del nostro preside prof. Antonio Chionna.

D. ( Cesare Epifani )- Quella pietra che in San Michele si chiama “pietra gentile” da quali cave la prendevano?

R.- Tutta la pietra occorrente per fare i portali, le decorazioni, i balconi delle case antiche di San Michele, proveniva dalle cave di Carovigno, e veniva trasportata sui traini. Arrivava in blocchi grezzi che poi venivano lavorati, levigati dagli scalpellini con infinita passione e pazienza.

D. ( Giuseppe Chirico )- Per portare a termine il bassorilievo Leggi il resto di questo articolo »

Ogni comunità ha una sua storia che può essere raccontata attraverso le foto

Riceviamo dall’associazione culturale-ricreativa “Dja-vu” di San Michele Salentino e di seguito pubblichiamo:
L’associazione culturale-ricreativa “Dja-vu” con sede in via Fiore n.14 a San Michele Salentino, organizza una raccolta di vecchie foto che confluiranno in una Leggi il resto di questo articolo »

Mario Nacci “lu gnurë” (di Edmondo Bellanova)

A settembre dell’anno scorso avevo dato la notizia della morte di Mario Nacci ed espresso l’augurio che i suoi scritti, appunti, registrazioni ed immagini fossero recuperati per restare a San Michele come memoria storica di fatti, costumi, usanze, credenze indispensabili per consolidare  le radici e l’orgoglio dell’appartenenza di tutti noi.

Ieri sera, il sindaco Piero Epifani e l’assessore Menga Stella  hanno voluto ringraziare Franco Nacci, il figlio di Mario, per aver donato al comune parte di questa documentazione.

I dubbi sulla riuscita della serata erano tanti, essenzialmente per il ritardo con il quale il materiale era giunto a San Michele; ma  Rosaria Gasparro e Mimino Ligorio hanno fatto un miracolo ed  in soli tre, quattro giorni sono riusciti ad organizzare una splendida manifestazione, forse la più bella degli ultimi Leggi il resto di questo articolo »

MASIN IL FRUTTIVENDOLO (di Nicola Romanelli)

Coi soldi guadagnati a raccogliere ulive coi geloni alle dita esco di casa. È la prima esperienza. È la prima volta in vita mia che posso come un grande, decidere di volere e comprare con i miei soldi. Avevo 8-9 anni con in tasca un bel gruzzolo, non ricordo esattamente, 60 – 70 lire! e neanche il prezzo esatto della frutta ma il resto è tutto vero.  In quanti oggi a Massarianova ricorderanno il mitico Masin, il fruttivendolo!… Leggi il resto di questo articolo »

IL CARNEVALE (di Nicola Romanelli)

Quello di oggi lo sappiamo, è tutto pieno di colori e sfarfallante, diverte la vista, ma quello di tanti e tanti anni fa, quando non si vedeva il becco di un soldo era tutto un’altra cosa, ma la partecipazione e divertimento non aveva confronto: Leggi il resto di questo articolo »

DOMENICA DI SETTEMBRE (di Edmondo Bellanova)

Pietro Leo

La prima domenica di settembre ho trovato piazza Marconi con il cielo tenuto terso dalla gentile tramontana ed un sole ancora caldo, rallegrata da variopinte auto, moto e bici d’epoca in bella mostra.

Prendevamo il caffè seduti al solito tavolino sempre poco protetto dall’ombra dei trasparenti ombrelloni del Bar Centrale quando mi hanno raggiunto delle tristissime notizie.

A Torino è morto Mario Nacci (lu gnurë). Mario, scapestrato amico-notturno-estivo, professore in Piemonte, era e dovrebbe essere la memoria di tanta storia di San Michele Salentino. Per anni, con il suo lapis affilatissimo , il minuscolo notes ed un antiquato registratore, ha raccolto testimonianze di vita, storie, filastrocche, canti, proverbi, credenze, usi e costumi sanmichelani. Ora tutto quel lavoro certosino (un tesoro d’informazioni, per noi!) può correre il rischio d’andare perduto, bruciato, smaltito in chi sa quale discarica. Questo rischio non lo dobbiamo correre e allora  rivolgo a suo figlio Francesco l’accorato invito a Leggi il resto di questo articolo »

Le vecchie squadre di calcio 1963 – 1967

Tonino Chirico condivide con noi tre foto riferite alle squadre di calcio sammichelane degli anni 1963 – 1967. A Mondino il “compito” di aggiornare il nostro/suo Leggi il resto di questo articolo »

NEMO PROPHETA IN PATRIA (di Edmondo Bellanova)

Con il titolo credo d’aver già detto tutto!

A Ceglie Messapica, domenica 22 maggio 2016, c’è stata una mostra di documenti dai quali ricavare la storia della città messapica e l’austera chiesetta di San Demetrio era affollata da curiosi ed interessati spettatori.

Michele CIRACI’, autore dell’iniziativa, ha (informalmente) fatto una prima presentazione dei documenti esposti e sono seguite le relazioni di Corradino de PASCALI S e Vincenzo GASPARRO. Tutti hanno messo in risalto il valore dell’archiviazione della documentazione  e l’assoluta necessità di conoscere la propria storia per trarne suggerimenti ed insegnamenti. Relazioni dotte e cattedratiche alle quali però non è seguito alcun altro intervento.

Avrei voluto io alzare il dito per avere “parola”, ma mi è sembrato inopportuno che tra i tanti spettatori fosse proprio Leggi il resto di questo articolo »

CALCIO E DESTINO (di Edmondo Bellanova)

Uno strano identico destino sembra legare San Michele Salentino a Ceglie Messapica.

Ci dividono solo alcuni chilometri e poche centinaia di metri in altitudine; mentre il territorio è simile con distese d’ulivi che, negli anni, hanno progressivamente occupato lo spazio prima coltivato a cereali, frumento, vite, fichi e mandorle. Muretti in pietra delimitano piccole proprietà impreziosite da trulli e lamie, storiche testimonianze della fatica di generazioni votate al sacrificio ed al disagio. Bianche masserie, testimonianza delle grandi proprietà nobili-ecclesiastiche, sono oggetto di sistematiche trasformazioni in centri turistici alberghieri e già si concretizza il rischio che le “pezze” ed i pascoli siano trasformati in campi da golf con prati inglesi, laghetti artificiali, ville e villini.

I nostri paesi sono anche uniti nell’ identica situazione del gioco del calcio: sono anni che non si riesce più ad organizzare delle società sportive che partecipino a campionati di calcio.

Ed allora non ci resta che tornare ai vecchi ricordi e questo ha fatto Cataldo Rodio con la presentazione del suo libro “La zingara del calcio brindisino” avvenuta ieri sera nella sala consiliare del comune Leggi il resto di questo articolo »

Venerito Donato: scompare uno degli ultimi bandisti sammichelani

E’ venuto a mancare Venerito Donato, uno degli ultimi bandisti sammichelani. Classe 1924, Donato ha suonato il Leggi il resto di questo articolo »

Laboratori di antiche arti e mestieri

Il Gal Alto Salento  avvierà nel mese di Novembre le attività del Laboratorio Policentrico di Antiche Arti e Mestieri previsto nell’ambito del progetto TUR. Puglia – Promuovere il Sistema Turistico Locale sostenibile Pugliese.

Il laboratorio permanente, grazie ad una proficua intesa siglata con Istituto Superiore “PANTANELLI-MONNET”, avrà sede presso una delle aule didattiche dello stesso istituto superiore, in C.da San Lorenzo ad Ostuni.

Il Laboratorio Policentrico di Antiche Arti e Mestieri ha l’obiettivo di recuperare e valorizzare, attraverso il coinvolgimento degli artigiani e delle maestranze locali, uno o più mestieri tipici del territorio locale.

Il laboratorio verrà gestito direttamente dagli artigiani che organizzeranno delle attività rivolte al turista che vorrà vivere un’esperienza immerso nella cultura locale, e ad apprendisti, ovvero ragazzi che vogliono imparare le tecniche e i processi di trasformazione artigiani.

In quest’ottica prenderà il via, mercoledì 11 novembre, il primo laboratorio sul restauro del legno e pietra, tenuto Leggi il resto di questo articolo »

Bianco&Nero – cartoline da San Michele Salentino

Aggiornato il 18/10/2015 – Cartolina di San Michele Salentino, Piazza Marconi con edificio – probabilmente anni 50 (cartolina di Giuseppe Argentiero) Leggi il resto di questo articolo »

90 anni per zia Rachele

Saranno in pochi a ricordare oggi zia Rachele, la perpetua della nostra parrocchia ai tempi di Don Angelo Colucci (anni 70/80). Per quelli della nostra generazione, che frequentavano la chiesa di San Michele Salentino, Rachele Pastore è stata la seconda mamma: la prima, quella naturale, cercava di dominare la nostra vita sia dentro che fuori le mura domestiche; la seconda, appunto, zia Rachele, in Leggi il resto di questo articolo »

La cassarmonica (di Nicola Romanelli)

A leggere alcuni commenti su facebook (pagina midiesis) per la festa patronale mi ha assalito una certa amarezza che si é presto trasformata in gioia riandando indietro nel lontano 1953 per rivivere quei momenti di felicità pura!
La festa del patrono capitava a cavallo di luglio e agosto e le campagne erano popolate di gente mentre il paese era deserto. Era un evento eccezionale che tutti, vecchi e bambini e i giovani sentivano e si preparavano con ansia crescente. Per quei giorni tutti si riversavano nelle proprie case in paese per partecipare in massa alla festa del patrono.
Ecco come un bambino di otto anni vedeva la festa di San Michele Arcangelo (Dal libro “Il gusto della mela” scritto da un sammichelano doc. Nicola Romanelli):

I preparativi quelli impegnativi sono terminati. La strada principale che dalla piazza porta al cimitero è inghirlandata a festa. Archi floreali rivestiti di luci colorate mi gonfiano il petto dalla gioia. Quante  volte siamo stati cacciati a sgridate dagli operai mentre erano all’opera! Ma per noi la festa era pure quella, anzi  i preparativi sono proprio quelli che ti elettrizzano Leggi il resto di questo articolo »

I fessi fessi fatiyene (di Nicola Romanelli)

Una riflessione su due epoche completamente opposte: il frenetico lavorio di luglio di sessant’anni fa e luglio moderno coi pensieri in villeggiatura, al mare e le proteste sull’enfiteusi dei terreni che non rendono anzi costano per mantenerli! Tratto dal libro “Il gusto della mela”scritto da un sammichelano doc, Nicola Romanelli.

Luglio era un mese impossibile per il calore, eppure così vitale per la vita del nostro paese, richiedeva fatiche supplementari e lavori maggiori di tutto l’anno. Con la soddisfazione però che, malgrado il sudore, si raccoglievano i frutti anche dei Leggi il resto di questo articolo »

San Michele Salentino vista con gli “occhi” di Sergio Nigro

Alcune fotografie di Sergio Nigro ai fregi e porte del nostro Paese. Leggi il resto di questo articolo »

Ritrovati!

A seguito dell’appello di Mondino “Chi li ha visti? – 2“, quasi tutti i nominativi della classe 1A e 1B del primo anno di funzionamento della Scuola Media Statale “Giovanni XXIII” di San Michele Salentino – sede provvisoria di Via Pascoli (proprietà Pesce), sono stati “ritrovati”. Si pubblica, quindi, la foto comprensiva di didascalia e Leggi il resto di questo articolo »

Chi li ha visti? – 2

Edmondo Bellanova ci ri-propone una foto scolastica di gruppo (anno scolastico 1961/1962). Potete aiutarci ad individuare alunni e docenti facendo riferimento alla numerazione Leggi il resto di questo articolo »

Vita contadina negli anni ’60 (foto)

2 foto, del 1963, inviateci dal nostro concittadino Eugenio Muschio riguardanti la vita contadina nelle contrade sammichelane (Cliccare sulle foto per ingrandire): Leggi il resto di questo articolo »

Il canneto (di Nicola Romanelli)

Dal libro “Il gusto della mela” scritto da un sammichelano doc. Nicola Romanelli questa volta ci propone “Il canneto”.

Nella foto, della famiglia Romanelli, Nunna Letchye, Cosimo, Danodda, Batudd. Leggi il resto di questo articolo »

La contrada Cotogni (di Nicola Romanelli)

Riprendiamo a pubblicare altri capitoli del libro “Il gusto della mela” scritto da un sammichelano doc. Nicola Romanelli questa volta ci propone “La contrada Cotogni”.

Nella foto, della Leggi il resto di questo articolo »

Li Quaremml (di Nicola Romanelli)

Li Quaremml di sobb’Ataén (la contrada in cui si trova il nostro fondo):

Era verso la seconda settimana di maggio, come tutti gli anni, la casa di campagna sobb’Ataén era pronta, ed ero felicissimo di andare. Non distava tanto, neanche 500 metri, e col mio Leggi il resto di questo articolo »

C’era una volta… (di Edmondo Bellanova)

La nostra piazza è rimasta sostanzialmente la stessa da circa 80 anni. Gli edifici sono cambiati e si sono perse le colombaie, la pergola, le architravi a tutto sesto, le porte in legno, Leggi il resto di questo articolo »

Pitrinë d’Autimië (di Edmondo Bellanova)

Non potevo non partecipare con Midiesis al ricordo di quest’uomo! Naturalmente si è portati ad eccedere negli elogi funebri ma Pitrinë merita d’essere ricordato come uomo mite, padre e marito comprensivo, musicista-artigiano custode di “mestiere ed etica” ormai desueti.
L’estate prossima non sentiremo più il tacchettio del bastone che accompagnò Leggi il resto di questo articolo »

Compleanno dell’81

La foto che Mino Giannotti ci ha inviato è del 1981, scattata in occasione del suo 18° compleanno. Da sinistra, in alto: Pino Barletta, Domenico Turi, Vito Francioso, Don Pino Nigro, Michelangelo Lodeto, Mino Giannotti, Pino Epifani, Rino Francioso, Rocco Leggi il resto di questo articolo »

Webcam Piazza Marconi


Facebook
Utenti in linea