Stallo disabili: Esigenze diverse e convivenza civile


A seguito del nostro articolo “Sparito il parcheggio riservato ai disabili vicino al Comune di San Michele Salentino” pubblicato il 16/06/2019, abbiamo avuto un colloquio con Antonio Nigro, titolare del Ristorante “Essenza”, ubicato proprio nelle immediate vicinanze del parcheggio in questione.

Ci ha spiegato un po’ come sono andate le cose, restando molto mortificato per l’accaduto.

Abbiamo ribadito, come si evince dall’articolo, che la nostra segnalazione voleva esclusivamente evidenziare che la mancanza, anche momentanea, di stalli per disabili, comporta notevoli difficoltà a chi ha problemi di deabulazione. Manco a farlo a posta, lo stallo in questione era l’unico disponibile nelle vicinanze della piazza. Tali problematiche li si vive sulla propria pelle quotidianamente nel trovare un parcheggio nel centro del paese, in particolare nelle vicinanze della farmacia, della banca, della scuola. Il disabile è costretto a girare, girare, girare l’isolato più volte nella speranza che si liberi un posto…
Non parliamo poi del periodo estivo: la piazza e dintorni diventano una vera e propria “barriera architettonica” in quanto non accessibile perché zona pedonale.

Ci rendiamo conto che vi sono poi altri aspetti della convivenza civile di una piccola comunità come la nostra che riguardano il lavoro, gli investimenti, le autorizzazioni ottenute e poi revocate, e ci riferiamo proprio a quanto ci ha evidenziato il titolare del Ristorante “Essenza”, problematiche che anch’esse vanno “assolutamente risolte“.

Per concludere, non vi è una contrapposizione di tali interessi, che sono più che legittimi: le varie “esigenze/problematiche” possono essere tranquillamente risolte. E questo è l’invito che rivolgiamo a chi di competenza.

—–

Articoli correlati:

- “Sparito” il parcheggio riservato ai disabili vicino al Comune di San Michele Salentino

- Stallo disabili in Via Principessa Jolanda

I Commenti sono chiusi

Webcam Piazza Marconi


Facebook
Utenti in linea