Mario Nacci “lu gnurë” (di Edmondo Bellanova)

A settembre dell’anno scorso avevo dato la notizia della morte di Mario Nacci ed espresso l’augurio che i suoi scritti, appunti, registrazioni ed immagini fossero recuperati per restare a San Michele come memoria storica di fatti, costumi, usanze, credenze indispensabili per consolidare  le radici e l’orgoglio dell’appartenenza di tutti noi.

Ieri sera, il sindaco Piero Epifani e l’assessore Menga Stella  hanno voluto ringraziare Franco Nacci, il figlio di Mario, per aver donato al comune parte di questa documentazione.

I dubbi sulla riuscita della serata erano tanti, essenzialmente per il ritardo con il quale il materiale era giunto a San Michele; ma  Rosaria Gasparro e Mimino Ligorio hanno fatto un miracolo ed  in soli tre, quattro giorni sono riusciti ad organizzare una splendida manifestazione, forse la più bella degli ultimi anni!

Mi guardavo intorno e ho visto una sala gremita, tanti amici che di solito non frequentano la Pinacoteca; tutti erano emozionasti , divertiti dai testi letti e coinvolti dal ritmo degli stornelli che sono stati la colonna sonora della nostra vita.

Rosaria ha saputo tracciare il ricordo di Mario Nacci, con leggerezza, garbo, profondità e gaiezza; ha coordinato voci, testimonianze e musiche dando risalto alle capacità dei ragazzi sanmichelani di suonare, cantare e recitare; ha dimostrato che a San Michele ci sono tutte le potenzialità per raggiungere alti livelli culturali e (aggiungo io) che non c’è proprio bisogno di rivolgersi al solito forestiero, raccomandato di turno per affidargli la funzione di operatore-stimolatore della crescita culturale del paese.

Serate come quelle di ieri restano a dimostrare che è ancora possibile crescere insieme pur conservando o le proprie convinzioni politiche, religiose e di vita.  E’ possibile trovare “collaborazione” e “partecipazione” tra vecchi (scusa Maresciallo Antonio Barletta) e giovani , tra politici e cittadini comuni quando gli interessi sono sani, sinceri, disinteressati.

Grazie Mario per  questo’ultimo regalo che hai portato al tuo paese! Ora tocca a noi utilizzare al meglio la donazione Nacci e voglio terminare con il verso della canzone che ha chiuso la serata ed il commosso urlo di Nuccio Gioia che esprime lo stato d’animo di chi vive lontano e sogna di tornare: NON TI ABBANDONO NO, NO!-VIVA SAN MICHELE!

Sanmichelesalentino13aprile2017edmondobellanova


Articolo correlato:

 

 

Un Commento a “Mario Nacci “lu gnurë” (di Edmondo Bellanova)”

  • roni:

    ecco un altro motivo nostalgico per chi ha lasciato il proprio paese, almeno ci consoli poter leggere gli scritti del nostro paesano Mario Nacci.

Webcam Piazza Marconi


Facebook
Utenti in linea