Xylella: anche il Sindaco di San Michele Salentino vieta l’uso di pesticidi in tutto il territorio comunale

Anche il Sindaco di San Michele Salentino si unisce all’iniziativa del primo cittadino di Nardò e vieta l’uso di pesticidi in tutto il territorio comunale.

L’Ordinanza, la n. 29/18, è stata firmata questa mattina:

“E’ fatto assoluto divieto – a scopo cautelativo e in via precauzionale – su tutto il territorio comunale di utilizzare in agricoltura pesticidi e/o prodotti fitosanitari di potenziale pericolo, quali sostanze riconducibili ai neonicotinoidi (acetamiprid, imidaclopramid) a tutela dell’ambiente e della salute pubblica, allo scopo ulteriore di preservare da possibili contaminazioni il suolo, l’acqua, i prodotti agricoli, a salvaguardia inoltre  della biodiversità  e della salute umana e animale ma di utilizzare solo piretine o olio essenziale di arancio dolce entrambi approvate in agricoltura biologica  e a basso impatto”.

Il mancato adempimento del suddetto obbligo sarà punito con la sanzione amministrativa pecuniaria di € 500.00.

Per scaricare/visualizzare l’ordinanza, clicca qui.

2 Commenti a “Xylella: anche il Sindaco di San Michele Salentino vieta l’uso di pesticidi in tutto il territorio comunale”

  • edmondo:

    E già! La tutela del patrimonio territoriale è a solo carico degli agricoltori che sono dibattuti nell’’amletico dubbio: rispettare il decreto Martina evitando le multe previste dalle ordinanze sindacali o le ordinanze dei sindaci evitando le sanzioni ministeriali. Nell’attesa delle indicazioni dell’osservatorio fitosanitario regionale,intanto, ci si deve affannare nella ricerca di piretine (meglio:piretrine) ed oli essenziali difficilmente ritrovabili sul mercato.

  • cicciochirulli:

    in attesa di sapere a quale multa andare incontro bene ha fatto il Sindaco Giovbanni Allegrini ad anteporre la salute dei cittadini alle direttive del governo,
    Il deccreto del Ministero alle Politiche agricole (detto decreto Martina) ha indicato, per la lotta alla Xilella alcuni insetticidi piuttosto che altre meno tossici come le piretrine.
    In sostanza il decreto sopra citato obbliga all’uso di determinati insetticidi,altamente nocivi,ma non parla, in alternativa, di insettcidi impiegati in agricoltura biologica come le piretrine.
    Gli insetticidi indicati nel Decreto Martina sono una classe di pesticidi derivati dalla nicotina e introdotto negli anni 90 come alterrnativa al D.D.T.
    Voglio ricordare che gli insetticidi indicati nel Decreto del Ministero all Politiche Agricole oltre a a produrre una serie di effetti negativi sulla salute dei cittadini, ha effetti devastanti per le api.
    Le api sono insetti indispensabili perl’ecosistema terrestre.Le api sono infatti tra i maggiori impollinatori delle coltivazioni alimentari al mondo.Complimenti sindaco Allegrini.
    San Michele Salentino 15/5/2018 ciccio chirulli

Facebook
Utenti in linea