Non chiederti cosa… (Desdemona)

Per mio padre

Le lancette si fermano, Desdemona mi lascia entrare nelle sue stanze. C’è buio, una candela diffonde una luce leggera, lieve. C’è silenzio. Penso.

che…

Nei silenzi, si nascondono parole inspiegabili,

grovigli di pensieri,

incanti di desideri

legati indissolubilmente al ricordo.

Se per qualche gioco ancestrale

le nubi si dissolvessero

resterebbe soltanto un pianto,

di gioia e sorrisi,

di giochi rubati,

di canzoni rincorse,

di lunghi giri in macchina sempre con la musica sbagliata.

Perdevo me stessa,

mentre ti aspettavo

e la nostra casa era più bella quando tornavi.

Ora è il tempo della vita che scappa,

il passato colorato di indaco e rubino

sembra declamare l’incanto.

E io rubo a questo momento

il pensiero di volerti bene

come se non ci fosse distanza,

e penso,

ti penso,

mentre provi ad amare con la ragionevolezza

di pensieri senza turbamento.

Quando leggerai queste parole

non chiederti il loro significato.

Fermati sull’essenza,

e sul mio sguardo

che veglia incessante,

seppur lontano.

Le parole sono effimere,

sono catene di cose che non

trovano sempre il loro senso

in una reale, logica spiegazione.

E’ l’ispirazione che le crea

e le fa vivere, vibrare, talvolta esplodere.

Prova a chiudere gli occhi

e a sentire il profumo del mare che ora mi copre,

e immagina un soffio di vento, leggero,

che arriva laggiù

in una terra rossa di sole,

immaginalo con il tepore di questa primavera ormai giunta

e ricorda,

ricordalo sempre

che nonostante le piogge

nonostante le bufere, i venti, i mari in tempesta,

è sempre bello averti

e sapere che per me, per noi, e per il mondo

ci sei.

Ti amo

Sara

3 Commenti a “Non chiederti cosa… (Desdemona)”

  • midiesis:

    Tuo padre è fortunato.
    Ciao Desdemona svelata, come sempre i tuoi pensieri sono profondi ed intensi.

  • giovanni:

    grazie grazie grazie DIO
    per avermi dato il PRIVILEGIO di avere una FIGLIA come mia FIGLIA

    S A R A

  • edmondo:

    Credo che per tutti noi (papà) sia un privilegio leggere le cose di Sara!

Webcam Piazza Marconi


Facebook
Utenti in linea