Petizione Stop al caporalato

Riceviamo da Maria Ciraci della CGIL di San Michele Salentino e pubblichiamo:

Sfruttare persone in stato di bisogno per farle lavorare a nero, senza alcun diritto né orario, senza alcuna possibilità di contrattare le misere paghe: questo è il caporalato, una vecchia forma di schiavismo che, anche a causa della profonda crisi
economica, si sta espandendo in tutto il territorio italiano.
Questa pratica è molto diffusa nei settori dell’edilizia e dell’agroindustria, dove centinaia di migliaia di operai e braccianti, italiani e migranti, sono sottoposti al ricatto ed allo sfruttamento da parte di caporali al soldo delle organizzazioni criminali.
Allo stato attuale nel nostro ordinamento giudiziario il caporalato non è ancora definito come reato in quanto tale e viene sanzionato per via amministrativa con una ammenda di 50 euro per ogni lavoratore reclutato.
Solo in presenza di aggravanti (quali violenza, riduzione in schiavitù, sfruttamento di minori) scattano l’arresto ed il conseguente procedimento penale.

Per questo aderisco alla CAMPAGNA STOPCAPORALATO, promossa dalla Cgil e dalle sue categorie Fillea e Flai, per chiedere al Parlamento italiano:
1) di avviare l’iter parlamentare per la discussione e l’approvazione di un testo di legge che colmi il vuoto legislativo;
2) di riconoscere il caporalato un reato in quanto tale e prevedere pene e sanzioni adeguate alla gravità sociale ed economica di questo crimine.

Per maggiori informazioni sulla proposta di legge presentata da Fillea, Flai e Cgil si consiglia di consultare il sito www.stopcaporalato.it.

Vai alla petizione: http://www.petizionepubblica.it/?pi=P2011N7284

I Commenti sono chiusi

Laureati con 110 (e lode)

Facebook
Utenti in linea