Li paten di migghierm (di Martin Menzares)

LI PATEN DI MIGGHIERM, poesia di Martin Menzares scritta nel 2008.

In quest’altra “situazione poetica” il nostro Martin elogia le doti culinarie di sua moglie MMaculet per quanto riguarda la “preparazione” delle patate.

Fuori microfono, però, Martin ci confida che tali doti lui li vede in ogni moglie, affermazione questa dalla quale noi dissentiamo categoricamente…

La versione audio della poesia:

Il testo:

Li paten di migghierm, pi mme so na cosa grann
ci li cuscin ogni giurn, ti li mangie tutt l’ann
a spritt, a rrustut, a ijnt lu ministron
quann fescie li paten mi llent lu cason.

E li paten nuev, di migghierma Maculet
li rrip buen buen, ijnt’a lla cascett ammugghichet
no li fescie pigghiè lusche, si no cumenzen a gigghieje
a me cu lli rep, no mi li fescie fricheje.

Mu fascitimila discie, com jet verament
non è ca migghierm no cuscin cchiù nient
tra patell, piatt, furcin e catin
qued mi fescie pur li patin di matin.

Li paten di migghierm, pi mme so nu vant
ca ci jer nu rrèje, mi li mangiev cu lli wuant
lu pescie, la carn, cchiù nient mi piescie
ca migghierm ogni giurn, ce paten ca mi fescie.

—–

La poesia fu a suo tempo dedicata a suo nipote: “A Adama, ca quann rit, rit tutt lu munn”.

 

Lascia un Commento

Laureati con 110 (e lode)

Facebook
Utenti in linea