CARGNIEL TUTT L’ANN (di Martin Menzares)

CARGNIEL TUTT L’ANN, l’ultima poesia dialettale in sanmichelano di Martin Menzares.

Eravamo in pieno lockdown quando con gli amici Stefania Nigro, Stefano Bellanova e Nando De Vitis si pensò di “cazzeggiare” un po’ sul periodo che stavamo vivendo, soffermandoci però solo sugli aspetti ironici di alcune situazioni, consapevoli di non andare oltre per non suscitare la sensibilità di chi viveva in modo problematico questo periodo.

Si può dire, quindi, che questa poesia, se così si può definire, è stata pensata e realizzata a più mani, secondo lo stile e la sottocultura del nostro Martin Menzares.

Poesia che ripercorre questo 2020 evidenziando alcuni fatti sociali e politici accaduti nella nostra San Michele Salentino: la disinfestazione del paese con i trattori, le processioni in pieno lockdown, gli appelli del sindaco a restare chiusi in casa, la proposta dell’opposizione di abolire le tasse, i vari contributi elargiti dalla maggioranza per sostenere cittadini ed attività commerciali, la delibera di giunta per il contributo di 30 mila euro alla parrocchia per la ristrutturazione del campanile.

Il tutto espresso a suo modo da Martin Menzares, bardato dalla mascherina, come noi tutti, già da un anno, come fosse, a suo vedere, un eterno carnevale.

La versione audio della poesia:
 

 

Il testo:

Ijè rrivet Natel, ma no ssime cuntent
ste ci li campen manghe li ste sent,
Cargniel ancor no ssi ne sciut
e cu lla mascher ni fascim na bbivut.

No ssi ve a ddo ‘mba Pitrin
no si ijess a lla cantin,
ti po ffe do frisedd
ma a ste gghius ijnt la casedd.

… e lu Siniche Giuwann
russ a ‘mbaccije ijucculann,
“lu vulì capit sin o none
ca ijet a gghijut lu purton”?

Sobb’a llu trattor tis tis
ve’ punpann lu pais,
nisciun a va ijassi a dde for
sol lu prevete e li suor.

… e lu Sineche Torron
ca mu ste all’opposizion,
cu la raggie ca no lli pass
discije: “Giuwa, a lliev li tass”.

E sta vot lu Comun
no ssi scord di nisciun?
ca sol pi cuss’ann
quanta sold ve siminann…

Cu l’altoparlant, Don Done
si la cant e si la son,
e stu Natel lu bbammin
la va ffe nascie di matin.

Pur ijdd gentil gentil
vol li sold pi llu campanil
e lu sineche Giuwann
facche ste ca ‘nci li mann.

No ssi ijess e no ssi son
accuntintamene di lu bbuttiglion,
no ‘ nci pass stu Cargnel
ni lu tinim fin a Natel.

Lascia un Commento

Laureati con 110 (e lode)

Facebook
Utenti in linea