L’ordinanz di la FICA (di Martin Menzares)

Martin Menzares, in occasione della 7^ edizione della Fiera del fico mandorlato, era l’anno 2008, compose, se così si può dire, questa poesia dialettale. La nota di presentazione, che fu pubblicata insieme alla poesia in sammichelano, recitava:

“La presente, se si vuol chiamare poesia, è frutto dell’immaginazione dell’autore che, però, fa riferimento solo ad alcuni, probabilmente inesistenti, fatti e situazioni reali. Pertanto il “testo”, inquadrato nel background “cantiniero-culturale”, ha solo una valenza ironica e sarcastica dovuta, anche, ai fumi dell’alcol presenti in tale ambiente. Si spera di suscitare SOLO ED ESCLUSIVAMENTE simpatia e risa, come si conviene in compagnia davanti ad un buon bicchiere di vino”.

La versione audio della poesia:
 

 

Il testo:

E ce mmi pigghijò quann li vitiv aijnt’a lla cantin
lu Sineche, cu lla Giunt, cu a chep la Piattin
la Cappell, Pin Ciuff e pur l’Avvuchet
ca int’a nnient mi passò, subt la ‘mbriachet

Boo, pinzev, sta cos no ijè normel
ce volen fasciene a lla cantin lu Cunziglie Cumunel?
si ssittaren tutt quant, pi bbev e pi mangiè
po lu Sineche si ijasò e cuminzò a parlè

“Siame qui riunito a lla cantina di questa stanza
ca per la fica di sammichele dobbiamo faro l’ordinanza”
“Dobbiamo portaro la fica alla Russia e all’America latina!!!”
ijucculò subt l’assessor Eniche la Piattin

Diss lu Sineche angor “Maffè na grande fer
ca m’a cuntinteje tutti li forestier
la fica la ma mett a ogni canton
vie di cegghie, francavidd, atajen e abbascie a llu lamon”

“Tegne na letter pi te Sindache, signoria vosta
ca la carivignola ti manna sta posta”
D’accussì diss trasenn cumbarma Scupariedd
ca la fica di sammichel la vulev pur ijedd

Poi trasì pur Tonin di Sgrigne
cu na magliett ross e tott di tigne
diss lu Sineche “Accuccia tu, an’terr a lu pizzul
e sirvitel na fica sicchet sobb’a nu pisul”

E ce putev manche l’ingegner Barlett?
cu nu buccaccie di fiche sott’olie sott a lla giacchett
diss lu Sineche “poi discit ca ije so bbrutt
a que cu lla fica ma cambè tutt”

Si sentii ijnt’a lla cantin na voscie menz’ambriachet
“ca ci l’arev di li fiche li ma tutt scriet”
rispunnii lu vicie sineche geometra Barlett
“e ci la fica non ci bbaste, li vinnim do magliett”.

01/09/2008


Lascia un Commento

Laureati con 110 (e lode)

Facebook
Utenti in linea