I RAZZISTI SIAMO NOI

Da un po’ di tempo assistiamo su facebook ad una continua e martellante pubblicazione di contenuti razziali contro extracomunitari accusati di reati vari e violenza sulle donne.

I commenti, ad opera di alcuni nostri concittadini, sono sempre accompagnati da attacchi brutali e offese pesanti, con codazzo di vari utenti che non perdono occasione per riversare tutta la bile accumulata in cui l’umanità annega e lascia il posto agli istinti più bassi di cui l’uomo è dotato.

Purtroppo non è un fenomeno solo sanmichelano.

Don Riccardo Personè, parroco a Nardò, ha preso posizione contro i feroci commenti sui social di molti suoi concittadini “turbati” dalla notizia dello sbarco di 77 migranti.

Ed avendone riconosciuto proprio in alcuni parrocchiani presenti in chiesa gli autori, ha scelto di essere molto diretto con loro: “Non venga più in chiesa chi ha augurato la morte a quei bambini profughi”.

I reati di violenza sulle persone vanno sempre e comunque condannati, a prescindere di chi ne sia l’artefice; ma utilizzare le notizie di cronaca per far credere che tali soprusi avvengano solo ed esclusivamente ad opera di extracomunitari ha come unico risultato quello di accrescere l’odio e la violenza facendo attecchire il pensiero razzista/fascista condannato dalla nostra Costituzione.

E’ per questa ragione, per rendere evidente quanto il razzismo sia reale e a portata di mano, che abbiamo deciso di pubblicare quello che si trova in rete.

Ma senza andare lontano, perché gli autori siamo noi stessi. Il vicino di casa, il conoscente, il concittadino, l’amico dell’amico e, a volte, anche l’amico.

Un anti-manifesto in cui specchiarci, per vergognarci di quanto siamo capaci e per comprendere come le offese a qualsiasi forma di “diversità”, non solo quelle legate al colore della pelle, siano il veleno più letale per attaccare e distruggere il tessuto sociale.

Sperando di trovare, prima o poi, l’antidoto.

La redazione www.midiesis.it

—–

Alcuni commenti di cui siamo venuti a conoscenza pubblicati da nostri concittadini:

  • Mannagh ci ve stramuert…
  • Sparato in fronte
  • Io oramai mi schifo a vedere come c’è la stiamo facendo mettere in quel posto da queste persone che sono peggio delle bestie…
  • E ci stava mussolini
  • E casa di li stramalimuert dattand bruttu ner di merd almen Ku vi picciavn tutt
  • Buttiamoli tutti in mare senza barche
  • Bravo così quelle pistole le incominciamo ha usare un po’ che si stanno arrugginendo
  • era ora di fare un po di pulizia
  • Per tutti quei cornuti e infami che danno il culo agli immigrati spero soffrite 7 volte 7 la sofferenza di questa ragazzina è dei suoi familiari curnuti e indegni


Un Commento a “I RAZZISTI SIAMO NOI”

Laureati con 110 (e lode)

Facebook
Utenti in linea