San Michele Salentino: le opposizioni chiedono la riduzione al 50% di IMU e TASI e rinvio pagamento imposte e tasse

Riceviamo dal Dott. Alessandro Torroni e di seguito pubblichiamo la richiesta di riduzione al 50% di IMU e TASI e rinvio pagamento imposte e tasse inviata all’Amministrazione Comunale di San Michele Salentino, sottoscritta da tutti i Consiglieri di opposizione:

Al Sig. Sindaco Giovanni Allegrini
Alla Giunta Comunale
Al Responsabile Uff. Finanziario Dott. Leonardo Franzosa
Alla Segretaria Comunale  Dott.ssa Teresa Bax
S. Michele Salentino

Oggetto: riduzione al 50% di IMU e TASI e rinvio pagamento imposte e tasse.

I sottoscritti consiglieri comunali di opposizione:
Torroni Alessandro
Epifani Pietro
Cappelli Pompea
Tamburrino Alessandro

considerato che stiamo in fase di predisposizione del bilancio preventivo per l’anno 2020, chiedono

- di ridurre per il 2020 al 50% l’imposta IMU – TASI
- di sospendere e procrastinare fino a Dicembre 2020 e Marzo 2021 tutte le imposte e tasse comunali

per le seguenti motivazioni:
quando sarà passato questo triste e drammatico periodo di pandemia ci troveremo tutti a raccogliere i cocci di ciò che sarà rimasto della nostra vita sociale ed economica.

Sicuramente, nel breve periodo e speriamo sia breve, avremo cittadini più poveri e una classe imprenditoriale che faticherà molto per reggere e superare i danni causati dal coronavirus.

Sotto l’aspetto economico serviranno, oltre agli interventi dello Stato che già ci sono ed altri ce ne saranno ancora sebbene centellinati, anche un enorme sforzo intelligente e intraprendente della nostra classe imprenditoriale che sappiamo non manca.
Ma molto dovrà fare anche l’amministrazione del nostro comune per sostenere, nell’immediato, la mancanza di liquidità che, già ad oggi, è preoccupante.

Un modo, a nostro parere, ed avanziamo la proposta, è quello di sospendere e procrastinare fino a Dicembre prossimo e Marzo 2021 ogni tipo di imposte comunali, ma soprattutto di ridurre l’IMU – TASI del 50%.

La proposta non è strumentale, ma di facile attuazione e senza traumi per il bilancio comunale stesso.
E spieghiamo come e perché:

  • Dal dicembre 2019 e inizio di marzo 2020 sono andate in pensione quattro unità comunali, più una alla fine del 2018 e più una vigilessa trasferitasi in altro comune. La spesa complessiva di queste unità ammonta ad € 176.000,00 (Centosettantaseimila) che, sebbene prevista in bilancio, non sarà erogata nell’anno 2020 in quanto, pur essendoci i concorsi, non ci saranno assunzioni nel corso del 2020. Per cui si realizzerà un’economia di spesa di € 176.000,00.
  • Da marzo scorso, a causa della chiusura delle scuole, è stata sospesa la mensa scolastica, che sicuramente non sarà più aperta fino alla fine di questo anno scolastico.

Questa sospensione comporterà un’ulteriore economia di spesa di circa € 45.000,00 (Quarantaciquemila) che potrebbero passare a più di € 50.000,00 (Cinquantamila) se consideriamo anche il risparmio di gasolio e luce per le scuole chiuse.

  • Infine, nel mese di febbraio 2020, a causa del licenziamento fatto da questa amministrazione (del quale discuteremo nelle sedi opportune) l’assistente sociale Lucia Baccaro ha intentato causa al comune per un risarcimento danni di € 260.000,00 (Duecentosessantamila) circa.

Cifra che per legge dovrà essere stanziata in bilancio in un Fondo Speciale.

Ebbene, come opposizione, proponiamo che questa cifra di € 260.000,00 venga imputata nel fondo di Riserva per € 130.000,00 nell’anno 2020 e per € 130.000,00 nell’anno 2021, perché la causa si protrarrà oltre i due anni prima che la cifra venga pagata in caso di soccombenza.

Questo comporterà così un’ulteriore economia di spesa di € 130.000,00.

Queste tre voci complessivamente comportano una economia di spesa di € 356.000,00 (Trecentocinquantaseimila).

Considerato che le entrate complessive nell’anno 2020 di IMU – TASI ammontano ad € 830.000,00 (Ottocentotrentamila) riducendo dette imposte del 50% si avrebbe una minore entrata di € 415.000,00.

Questa minore entrata può essere coperta per € 356.000,00 con le economie sopra descritte e per la restante parte di € 59.000,00 con la riduzione oculata di altre spese e con un contributo generoso, per il solo anno del 2020, del 50% delle indennità degli amministratori.

Pertanto, alla luce di quanto sopra esposto, i sottoscritti chiedono che per il solo anno 2020 le Imposte IMU – TASI siano ridotte del 50% e che il pagamento di tutte le altre imposte e tasse comunali venga rinviato fino a Dicembre-Marzo 2021. Provvedimento che sicuramente sarà previsto nel prossimo decreto del Presidente del Consiglio.
Con osservanza

S. Michele Sal.no  31 Marzo 2020

(Torroni Alessandro)
(Epifani Pietro)
(Cappelli Pompea)
(Tamburrino Alessandro)

I Commenti sono chiusi

Laureati con 110 (e lode)

Facebook
Utenti in linea