Si apre un corso di arte presepiale

Finita l’estate, arrivano i primi temporali, i primi freddi e… si pensa già al Natale e non ci si discosta molto dalla pura realtà. E subentra in noi la voglia imprescindibile di nuove vacanze, o meglio ancora la voglia di  volersi riunire con amici e parenti e viversi pienamente le tradizioni locali.  A Mesagne da qualche anno si va riscoprendo, sempre più sentita, l’antica tradizione del presepe che raccoglie nel tempo un numero crescente di appassionati. Risale al XV secolo il più antico presepe di Puglia che ha segnato l’inizio di una tradizione secolare che ha fatto scuola sino al punto da costituire un punto di riferimento come definizione di presepe salentino o più estesamente presepe pugliese.

L’Associazione culturale Eterogenea, che opera a Mesagne nel campo delle arti visive in tutte le sue espressioni sin dal 1996, ha inaugurato il 27 luglio 2017, nell’ambito delle sue esperienze, una sezione dedicata all’Arte Presepiale con una esposizione permanente a sostegno del diffuso interesse che questa antica tradizione popolare, tra storia, arte e cultura,  suscita nella città di Mesagne.

A partire dal 23 settembre 2019 l’associazione Eterogenea organizza un corso di Arte presepiale il cui programma prevede la trattazione dei seguenti argomenti: ideazione e progettazione, proporzioni prospettiva, materiali e attrezzi da impiegare, lavorazione e rifinitura della struttura, stesura dei rivestimenti, colorazione e rifiniture, vegetazione e illuminazione e collocazione delle statuine.

Il corso che prevede un modulo di 8 lezioni, da 2 ore ciascuna,  ha l’obiettivo di coniugare la tradizione con il recupero dei doni della natura; la magia della costruzione di  un presepe è  un momento che si aspetta con entusiasmo e trepidazione ogni anno,  ed è proprio la natura ad offrire lo scenario per ricreare la notte di Betlemme. I nostri litorali, i nostri boschi, le  bellissime campagne del nostro territorio donano  elementi naturali insostituibili per ricreare microambienti costituiti da sughero, rami secchi, cortecce, rocce, muschi e licheni che contribuiscono a rendere il più possibile verosimile ed emozionante  il grande evento della nascita di Gesù.

Ma il corso reca in sé un altro preciso intento: vuole essere una benevola sollecitazione a voler concepire il presepe come opera esposta nel contesto dei propri focolari domestici, non soltanto nel periodo natalizio, ma per tutto l’anno, prescindendo dalla devozione di ciascuno.

I Commenti sono chiusi

Webcam Piazza Marconi


Facebook
Utenti in linea