TASSE-IMPOSTE-CONTRIBUTI (di Edmondo Bellanova)

L’amministrazione comunale si prepara alla redazione del Bilancio 2019 e comincia ad approvare gli atti preparatori. Con delibere di giunta del 13.03.2019 s’interviene sulle tasse e tariffe e sostanzialmente si confermano quelle già in vigore per il 2018.

- Illuminazione votiva: Si confermano i costi per la domanda d’allaccio e per il consumo forfettario a punto luce.

- Imposta comunale sulla Pubblicità: Sono integralmente confermate le misure 2018 per la pubblicità e per le affissioni.

- Refezione scolastica: Si aumenta del 25 % la contribuzione per gli alunni della Scuola Materna e del 20% quella degli alunni di scuola primaria. Restano confermate le riduzioni precedentemente applicate.

- Tosap: Sia le occupazioni permanenti che quelle temporanee sono aumentate del 50%; stesso aumento si registra per distributori di carburante e per le tabaccherie.

Le tariffe garantiscono la copertura, quasi totale, delle spese che l’amministrazione sostiene per garantire i servizi, resta incomprensibile l’aumento della Tosap (+41% sulla media delle riscossioni accertate nel quinquennio precedente) pur riconoscendo che gli importi prima praticati erano veramente esigui e, forse, si dovrebbe rivedere la suddivisione in categorie del territorio comunale risalente al 1994 (del. C.c. n° 34 del 22.04.1994) e renderla visibile sul sito istituzionale.

Alcune osservazioni sono da fare anche per l’imposta comunale sulla pubblicità, disciplinata dal d.l. 507 del 15.11.1993 così come modificato dal DPCM 16.02.2001.

Per la verità la norma non mi sembra di facile applicazione ma, secondo me, ci sono alcuni errori e si è persa l’occasione di regolamentare meglio il fenomeno del volantinaggio di messaggi pubblicitari che sono l’origine della creazione di “spazzatura” nelle nostre strade.  Nelle tabelle si prevede per questo tipo di pubblicità (art.15, comma 4 dl 507/1993) l’importo di euro 2,07 giornaliere per ogni persona “distribuente” a prescindere della quantità delle “cartacce” infilate nelle cassette della posta, sotto la porta e tra le bacchette delle tende. Forse è ancora possibile scoraggiare questa forma di pubblicità aumentando la tariffa e proporzionandola alla quantità distribuita. Certamente favoriremmo l’economia delle attività commerciali del nostro paese e… un comune più pulito!

Sanmichelesalentino14marzo2019edmondobellanova

Lascia un Commento

Webcam Piazza Marconi


Facebook
Utenti in linea