A lli vinticinghe di ogni ann (di Martin Menzares)

Martin Menzares, in occasione delle prossime festività natalizie, ci ripropone una sua poesia in dialetto sammichelano nata alcuni anni fa. La poesia, che in questa occasione viene pubblicata anche in formato “audio”, probabilmente è una metafora sull’umanità perduta.

A lli vinticinghe di ogni ann

Disse lu Ciuccie a llu Vove
ijnt’a lla grott di lu Bbammin
“Quanta fridd ca stè prove,
accucchiamene cchiù vicin”.

Attocche a nuije cu llu scraffeme
a lli vinticinghe di ogni ann
doscie doscie nu ijatem
cu llu fiet lu scieme ‘mbucann.

A lli vinticinghe di ogni ann
e da semb accussì è stet
do vestie von ijatann
lu Bbammin anzuccaret.

Dopp tant’ann, a llu Natel di ijoscie
ancor tinim cuss’onore
li cristien lu metten an’groscie
do vestie ‘mbochen lu Signore!

(per ascoltare l’audio, clicca sul player sotto riportato)

 


Tutte le poesie di Martin Menzares

Un Commento a “A lli vinticinghe di ogni ann (di Martin Menzares)”

  • Anna Abbracciante:

    Eccezionale Rocco, come sempre lu bammin lu mittim an’groscie, ma ogni anno nasce e lu scarfem! Buon Natale ai credenti!

Lascia un Commento

Webcam Piazza Marconi


Facebook
Utenti in linea