Gli studenti del corso di laurea “Italian food and wine” dell’Università di Padova in visita a San Michele Salentino

Riceviamo dal segretario della Comunità dei Produttori del Fico Secco Mandorlato, Vincenzo De Leonardis, e di seguito pubblichiamo:

Circa 40 studenti al corso di laurea “Italian Food and Wine” dell’Università di Padova, accompagnati dall’addetto stampa e segretario della Comunità dei Produttori del Fico Secco Mandorlato Vincenzo De Leonardis, sono stati impegnati giovedì 10 maggio in un tour alla scoperta del prodotto più rappresentativo di San Michele Salentino.

La visita, organizzata dalla Fondazione Dieta Mediterranea, ha previsto un modulo conoscitivo sul fico mandorlato presso l’azienda agricola “Feudo di San Giacomo” della famiglia Barletta e presso  alcuni terreni di San Michele Salentino caratterizzati dalla presenza di alberi di fico.

Il corso di laurea nasce con l’obiettivo di promuovere le eccellenze produttive agroalimentari ed enogastronomiche italiane, è strutturato interamente in lingua inglese, e rivolto a studenti di diverse nazionalità e culture.

La Fondazione si inserisce in questo contesto attraverso la realizzazione di giornate di approfondimento dedicate alla Dieta Mediterranea, per completare l’iter formativo degli studenti, chiamati a scandagliare tutti gli aspetti collegati alle produzioni di eccellenza in termini di benefici sulla salute delle persone, di qualità del prodotto, di innovazione dei processi di produzione, di caratterizzazione storico-culturale e di sostenibilità ambientale.

Un approccio diretto che ha portato gli studenti universitari a visitare territori ed aziende anche di Ostuni, Cisternino, Carovigno, Brindisi, Cellino San Marco, e Manduria. Tutti Comuni con grandi potenziali agroalimentari alcuni dei quali con presìdi Slow Food e Denominazioni di origine controllata.

“La visita degli studenti, provenienti da cinque nazioni diverse, è un’iniziativa volta alla sensibilizzazione verso le nostre aziende e verso il nostro territorio quale vero e proprio incubatore di tipicità geografiche, tradizioni e prodotti unici”, spiega Pierangelo Argentieri responsabile della Comunità dei Produttori del Fico Secco Mandorlato.

Lascia un Commento

Facebook
Utenti in linea