Graduatorie di istituto ATA di terza fascia: le domande dal 30 settembre al 30 ottobre 2017

Il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ha pubblicato il Decreto Ministeriale 640 del 30 agosto 2017 per l’aggiornamento della terza fascia delle graduatorie di circolo e di istituto del personale ATA per il triennio 2017-2019. L’aggiornamento riguarda i profili professionali di: collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici, guardarobieri, infermieri e cuochi.

Le domande di partecipazione alla procedura, compilate secondo i modelli che saranno in seguito pubblicati sul sito del Miur, potranno essere presentate dal 30 settembre al 30 ottobre 2017, a mano, con raccomandata a/r oppure con posta certificata. Solo per la presentazione del modulo per la scelta delle scuole sarà possibile utilizzare la modalità on-line, con indicazioni che saranno comunicate successivamente.

Nella nota ministeriale 37883 del 1 settembre 2017 sono indicate le modalità di presentazione delle domande.

Titoli di studio per l’accesso ai seguenti profili professionali:

A ) – Assistente Amministrativo:
1 – Diploma di maturità.

B) – Assistente Tecnico:
1 – Diploma di maturità corrispondente alla specifica area professionale.

C) – Cuoco:
1 – Diploma di qualifica professionale di Operatore dei servizi di ristorazione, settore cucina.

D ) – Infermiere:
1 – Laurea in scienze infermieristiche o altro titolo ritenuto valido normativa per l’esercizio della professione di infermiere.

E ) – Guardarobiere:
1 – Diploma di qualificaprofessionale di Operatore della moda.

F ) – Addetto alle aziende agrarie:
Diploma di qualifica professionale di:
1- operatore agrituristico;
2- operatore agro industriale;
3- operatore agro ambientale.

G ) – Collaboratore Scolastico:
1 – diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale, diploma di maestro d’arte,diploma di scuola magistrale per l’infanzia,qualsiasi diploma di ma urità, attestati e/ o diplomi di qualifica professionale, entrambi di durata triennale, rilasiati o riconosciuti dalle Regioni.

Lascia un Commento