I Giovani Democratici della Provincia di Brindisi si rimboccano le maniche

Riceviamo dal PD – Provincia di Brindisi e pubblichiamo:

Tornano finalmente a parlare di politica i Giovani Democratici della provincia di Brindisi.

Sabato 27 Novembre avrà luogo, presso la Federazione provinciale del PD di Brindisi in via Osanna, il Congresso straordinario per eleggere dei nuovi organismi dirigenti, che coordineranno l’organizzazione giovanile brindisina. L’appuntamento Congressuale, inserito tra l’altro nella serie di iniziative per la mobilitazione nazionale, sancisce l’inizio di una nuova fase politica per i Giovani Democratici  di Brindisi, famosi per essere stati fiore all’occhiello dell’organizzazione giovanile pugliese. 

I Giovani Democratici della provincia di Brindisi, che ad oggi possono contare sul contributo di 235 iscritti tra ragazze e ragazzi, arrivano a questo congresso avendo condiviso un programma, stabilendo nuove linee politiche e individuando un percorso da seguire nei prossimi mesi, che saranno di sicuro molto intensi visto l’attuale quadro politico nazionale. L’appuntamento Congressuale sarà quindi un’importante occasione di riflessione e di discussione sui temi che riguardano lo sviluppo e il futuro della nostra provincia visto con gli occhi di una nuova generazione. Si discuterà di lavoro, formazione, sud, ambiente, e che coinvolgerà anche i vertici più alti dell’organizzazione, saranno infatti presenti il Segretario Nazionale dei Giovani Democratici Fausto Raciti, Francesco Parisi dalla segreteria nazionale dei GD, Angelo Petrosillo Segretario Regionale dei GD di Puglia e il Segretario Provinciale del PD di Brindisi Corrado Tarantino.

Un segnale forte e chiaro, ma soprattutto di speranza, arriverà Sabato dalla Federazione di Brindisi, tanti giovani uniti in un progetto, pronti a ribadire l’importanza della loro presenza nello scenario politico, in un momento in cui delle loro menti e della loro forza si ha un vitale bisogno vista la delicata fase in cui versa il nostro Paese.

I Commenti sono chiusi

Facebook
Utenti in linea