L’ALTRO NATALE (di Edmondo Bellanova)

La prima cosa da procurarsi era il muschio: si cervano le compatte e soffici piantine nelle zone umide e ombrose di tronchi e piante. Poi si recuperavano scatole di cartone, giornali vecchi e carta da imballaggio per creare le montagne e colline di Nazareth. Con la carta argentata, residuo dell’involucro di cioccolate, si creavano fiumi e laghi; mentre bastava un batuffolo di cotone per ricoprire di neve monti, boschi e viottoli; quando necessario, anche la farina (sottratta alla mamma che impastava pettole e purcedduzzë) imbiancava i nostri presepi. Un foglio di carta azzurra bastava a farci il cielo e di carta dorata erano le stelle che, appiccicate con colla di farina, brillavano di luce riflessa; non c’erano ancora le luci cinesi a serie infinita.

Anche “li cipuddazzë” (scilla marittima) con sparuti rametti di pino, facevano bella e duratura mostra di verde tra valli e monti.  Dalla scatola, per un anno intero custodita nel sottoscala o sopra l’armadio buono, si tiravano fuori i preziosissimi pastori e gli atri figuranti in creta che andavano a popolare lo scenario festoso. Solo alla vigilia il Bambinello trovava posto nella culla tra Giuseppe e Maria nella grotta riscaldata dal bue e l’asinello. Solo il presepe di Attilio ci stupiva con i suoi personaggi autonomi nei loro movimenti e l’incredibile cascata “d’acqua vera” che dal monte scendeva a valle sparendo nel laghetto affollato da paperette e pesciolini.

Stordito dallo sfavillare del maestoso albero troneggiante in piazza e dalle mille luci addobbanti vie, piazze e negozzi, musiche insistentemente diffuse a tutte le ore, in tutti gli angoli del paese; assalito dalla propaganda commerciale di qualunque genere; invaso da mille richieste d’aiuto da associazioni benefiche e non, ho voluto rintanarmi nel ricordo del Natale di una volta.

Mi sono ricordato degli anni nei quali “Natale” significava tornare a casa da emigrato all’estero o da militare in licenza. Al pranzo (a casa e non in ristorante!) partecipava tutta la famiglia e non c’erano prosecco o champagne, aragoste, frutti tropicali, gamberoni e astici. Il panettone (Motta-Alemagna) lo magiavano in pochi; Babbo Natale non era ancora sceso, con la sua renna magica, dalle fredde radure lapponiche e per avere un regalino si aspettava che dal camino scendesse la brutta e vecchia Befana. L’oro, l’incenso e la mirra lo portavano i Re Magi con i loro cammelli; ora li importiamo dalla Cina e Amazon ce li consegna “in giornata”.

Ci sentivamo più buoni anche solo ascoltando “Tu scendi dalle stelle..” e non c’era bisogno di una legge per non odiare il prossimo e della faccia truce di una  bambina svedese per salvare l’ambiente, non era necessario tinteggiare di rosso una panchina per avere rispetto di tutti.

Ma forse certe cose è bene non dirle a Natale. Auguri!

sanmichelesalentino14dicembre2019edmondobellanova

Un Commento a “L’ALTRO NATALE (di Edmondo Bellanova)”

  • midiesis:

    Li ijastem di Natel

    Vi la ricurdet la bbifen, a na cord appinnut
    da nu pont a nnat di la stret, di rrobb viecchie vistut?
    ca quann passamm di sott, nuije piccinn ca paur ni pigghijamm
    nu chiancon pitun andruzzulun li minamm?

    Vi lu ricurdet, almen, ca na marangia ni tucchev
    quann arrivev la bbifen, stu riel ti pigghijev?
    quann ti scev bbon ni buschev cchijù di ijun
    ma si no ti minàven na ijastem a’ndruzzulun?

    E cu l’ann ca passaven, quant ni ma pigghijet
    e po ijè tucchet a nuije ca ma ijastumet
    “li murt di li fiest, di lu natel e la bbifanije
    ca tra chiacchiere e riel ‘ngi volen sold appusutije”

    Non cè cchijù rrobb di marangie, amenel e anuscie
    ijoscie t’a ffè un mutue pi cattè prisepie e luscie
    scarp, scarpin, talefen cullen e bracciel
    zazizz e provolon: li muert di lu natel!

    Quann figghijama ‘Ndanodd ijer na pucciuledd
    l’era ffè lu prisepie cu lla grott e li casiedd
    figghijama e migghijerm, bell comet assittet a cumannè
    e ije cu purcie, pecher e chiancun, an’terr a fatiè

    “We tè, cu du rizzul, spostulu cchijù ddèije
    Si no mu Sangiusepp sa va ‘mbriacheije”
    “We Martì, ma cè a scimunit?
    C’a puest lu ijattudd sobb’a ll’aver ijnt’a llu nit?”

    We, mamm e figghije e ce tineven
    ghianev lu sanghe anchep e li cangher mi vineven
    bbammin, matonn, tutt li sant ijastumev
    ma po’ lu ggiurn dopp, mi sci cunfussev

    Cu lla cris di ijoscie, ca no ste ce tti mangie
    ca sarè ca no ijè bon, pur na marangie
    discie ca li puvuriedd ijon’a pigghijet natu bellu piern
    e v******** a llu natel e li muert di lu guvern.

Facebook
Webcam Piazza Marconi


Utenti in linea