REFERENDUM POETICO

Riceviamo da Martin Menzares e di seguito pubblichiamo  alcune sue considerazione sull’intitolazione di San Michele Salentino paese poetico, questione discussa in Consiglio Comunale giorno 31 ottobre ultimo scorso. Per ovvie ragioni riportiamo la versione tradotta in “italiano”:

“Ma ce mmuert ste succed ijnt’a stu pais
ca ‘mbaccia a lli parit, a ci sittet a ci tis
cu cascie, culur e tanta pinniedd
von scrivenn tanta ziariedd”

Ho ascoltato l’intervento della nuova assessora alla cultura nell’ultimo consiglio comunale e precisamente le motivazioni che spingono l’attuale maggioranza ad approvare l’intitolazione di San Michele Salentino paese poetico.

A quanto pare questo titolo è didicato solo a noi villani, perché non siamo acculturati, perché critichiamo sempre, perché solo attraverso la poesia cala il silenzio e si placano tutte le polemiche. I politici? Secondo l’assessora, quelli non c’entrano niente, sono tutti acculturati e quindi non polemici.

Questa cosa mi fa un po’ paura perché io sono uno di quelli che non fa passare la mosca sotto il naso e quando c’è da dire na cosa la dice. Mo, non vorrei che se passa questa legge del paese poetico, nel momento in cui il sottoscritto fa na critica all’assessora si vede costretto, il sottoscritto, a subire per punizione un attacco poetico proprio sul muro della propria casa?

Mi sembra come un “fascismo” al contrario: la bonanima di Mussolini bruciava i libri perché la cultura faceva paura al potere, questi mo ce li vogliono stampare su tutti i muri delle nostre case.

Insomma, mi pare che le cose non cambiano mai: ai tempi dei miei nonni se parlavi rischiavi la vita, ora se critichi non sei uomo di cultura e ti sciroppi un attacco poetico.

“ci mi mangie nu purpiett
pi mme ijè nu sonett
ci mi fazz na brasciol
l’anima meije si ni vol
ci mi bbev lu marvasie
pi mmè quess è puisie”.

—–

Articoli correlati:

2 Commenti a “REFERENDUM POETICO”

  • edmondo:

    CHIARO E SCURO

    Martì, ma na stavë buenë jintë la cantinä a bevë e mangià? Mù cià da fa? Ti uè mbruegghië la capë culli chiacchierë di chiazzë? Bivë e stattë zittë ca pì parlà di “cultura” ngi volenë li scolë e tu manchë alla secondä ha passatë. Te la pigghië cu Mussulinë ,l’assessorë e la pulitichë, ma ci ti ssuembrë purë di na parolä scrittä allu paretë di casa tovä ! Nnà vitë ca nisciunë parlë? Fattë li cazz tuë, nà ssì ommë di punionë; lassa fa! Cullu chiamanë comë volenë stù paisë tantë pi nnù no cangië nientë: fessë gnorantë erëmë e fessë gnorantë simë! Bivi pure alla salutë mea!
    Traduco per aver scritto (male) in dialetto e per essere comprensibile:
    Martì, ma non stavi bene nell’osteria a bere e mangiare? Ora cosa vuoi fare? Ti voi confondere la testa con le chiacchiere di paese? Bevi e statti zitto perché per parlare di cultura bisogna aver studiato e tu non sei stato promosso neanche alla seconda elementare. Te la prendi con Mussolini, l’assessore e la politica ma se ti spaventi anche di una parola scritta sul muro di casa tua! Non vedi che nessun parla? Fatti i cazzi tuoi, non sei opinionista; lascia fare! Che lo chiamino come vogliono questo paese, tanto per noi non cambia niente: fessi ignoranti eravamo e fessi ignoranti siamo. Bevi anche alla mia salute

  • midiesis:

    Martin Menzares risponde a Mondino (per ovvie ragioni riporto tradotto in “italiano” il suo messaggio): Mondi, e dove stanno le cantine? sono scomparse pure quelle insieme a tutte le nostre usanze e tradizioni. Mia moglie “Mmaculet” (Immacolata) ha dimenticato persino come si faceva il pane “cu llu luet”. Per non dirti di mia figlia “Ntanodda” (Fontana) che da quando si è sposata viene a mangiare (e bere) a casa mia perché non sa cucinare. Suo marito lo fa schiattare dalla rabbia perché “li purpiett e li brasciol” li vedo col binocolo.
    E “li fef ascraffet cu lla rascator” dove li metti? “li purcidduzz, la pasta fritt, li paten arrustut, lu lard salet, la doleghe spritt, la coppe, e…
    Menchia, mo ci vuole un bel bicchiere di rosso, quello a 20 gradi con la cottura del mosto…
    Salute a tutti.

Lascia un Commento

Webcam Piazza Marconi


Facebook
Utenti in linea